CucinaConMe

L'aiuto personale in cucina

cucina facile

cucina raffinata

cucina etnica

cucina dietetica

dolci e dessert

trucchi e consigli

schede

le vostre ricette

 

Pasta con le sarde
  • Ingredienti per 4 persone:

    800gr di sarde intere 1 cipolla una bella manciata di finocchietti pinoli mezza bustina un cucchiaio di uva passa 500gr di Ziti (varietà di pasta simile ai bucatini ma più grossa come diametro) pangrattato abbrustolito 1 scodellina a scelta un cucchiaio di pomodoro oppure una bustina di zafferano.

    Avete tutto? allora partiamo col dipingere i contorni del nostro disegno. Prima di ogni altra cosa bisogna pulire attentamente le sarde, se non lo si sa fare o non si ha voglia in certe pescherie lo fanno, poi a parte mettere in un tegame con dell'acqua e un pò di sale i finocchietti fino ad ebollizione, nel frattempo in un'altra pentola far rosolare la cipolla tagliata a pezzettini con le sarde, non è necessario spezzettarle, perché nella cottura si andranno rompendo da sole. In una padella mettete del pangrattato e lasciatelo tostare appena appena,mettetelo da parte perché ci servirà dopo. Appena pronti i finocchietti scolarli e aggiungerli alle sarde e alla cipolla, un pizzico di sale, di pepe e di zafferano o di pomodoro come preferite, lasciate il composto ancora un pochino sul fuoco affinché tutti gli ingredienti si insaporiscano, poco prima di spegnere il fuoco aggiungere i pinoli e l'uvetta. Per quanto riguarda invece il supporto del nostro capolavoro, e cioè la pasta, la cottura è quella di ogni altro giorno, con un segreto, l'acqua che si userà per cuocerla, sarà l'acqua di cottura dei finocchietti, così anche la pasta, così come una bella cornice su di un quadro, formerà un'unica grande opera. A cottura ultimata unite la pasta al condimento, servite nei singoli piatti e cospargete la superficie con abbondante pangrattato tostato così come fareste con il parmigiano. Prima però di augurarvi buon lavoro,il tocco dell'artista non deve mancare, e in questa, come in tutte le ricette che si rispettino, c'è un segreto per gustare al meglio questa pasta, consiste nel lasciarla raffreddare nei piatti per almeno 15 minuti, infatti va consumata fredda, provatela e fatemi sapere.

    Da qui è tutto, Buon Appetito!. (da Rosalba)

Torna alla pagina Le Vostre ricette