CucinaConMe

L'aiuto personale in cucina

cucina facile

cucina raffinata

cucina etnica

cucina dietetica

dolci e dessert

trucchi e consigli

schede

le vostre ricette

 

pizza.jpg (31876 byte) La Pizza
Per 4 persone (1 teglia di circa 25 x 35 cm): 250 gr di farina, 10 gr di lievito di birra fresco, sale. Per guarnire, 150 gr di mozzarella per pizza, 1,5 dl di salsa di pomodoro, origano, sale, 1 cucchiaio d’olio d’oliva + altri ingredienti a scelta.
  • Sbriciolate il lievito in una ciotola capiente e bagnatelo con 1,5 dl di acqua tiepida. La temperatura dell’acqua è molto importante: se fosse troppo calda, ucciderebbe gli organismi vivi del lievito: è perfetta tra 35 e 40°: più o meno la temperatura delle dita.
  • Unite un cucchiaino raso di sale fino e un po’ di farina per volta. Mescolate con una forchetta unendo la farina a poco a poco. La quantità di farina è indicativa. Continuate a lavorare con la forchetta finché riuscite.
  • Quando l’impasto diventa troppo denso per essere lavorato con la forchetta, continuate a lavorarlo a mano, unendo se necessario altra farina. Per maggiore comodità, potete lavorare la pasta direttamente nella ciotola. Occorre lavorarla per circa 10 minuti in modo da renderla elastica.
  • Lasciate riposare la pasta per 2 ore in un luogo tiepido al riparo dalle correnti d’aria, con la ciotola coperta. Un ottimo sistema è quello di chiudere la ciotola con la pasta in un sacchetto di plastica e lasciarlo semplicemente a temperatura ambiente. Ricordatevi però che la pasta gonfierà molto!
  • Stendete la pasta su un piano infarinato e spianatela con il mattarello oppure con le mani. Adagiatela nella teglia e ritagliate i bordi eccedenti. Potete anche scegliere una teglia più piccola per ottenere una pizza alta. La teglia può essere unta con olio ma la pasta poi tende a "scappare" verso il centro. Molto comodo usare carta da forno... In alternativa, si può ungere leggermente la teglia con burro freddo.
  • Se preferite la pizza alta (tipo "al trancio", per capirci), dovete scegliere un contenitore un po' più piccolo.
  • Coprite la pasta con la salsa di pomodoro, livellandola con il dorso del cucchiaio. Usate una buona salsa, magari fatta in casa con il basilico, e mai la polpa pronta in scatola cruda, troppo acquosa.
  • Distribuite su tutta la superficie della pizza la mozzarella tagliata a dadini. Si può anche usare mozzarella normale o di bufala, ma ricordatevi che questi tipi di mozzarella tendono a rendere parecchia acqua durante la cottura.
  • Aggiungete tutti gli altri ingredienti che avete scelto, a vostro piacimento. Alla fine, cospargete con origano secco sbriciolato, un po’ di sale e versate per ultimo l’olio a filo. Cuocete nel forno già caldo a 250 per circa 8 minuti. Nel caso della pizza alta, lasciatela prima lievitare per 20 minuti quindi cuocete a 200° per circa 12/15 minuti.

Nota: una pizza sottile e croccante come in pizzeria è francamente difficile ottenerla in casa. Infatti i forno dei pizzaioli cuociono la pizza per poco tempo a temperature elevate che nessun forno casalingo offre. Quindi in casa siamo obbligati a cuocere la pizza un po' più a lungo ma questo non ci impedisce di ottenere un buon prodotto. E' fondamentale non cuocerla troppo perché si secca e diventa sgradevole da mangiare.

Con queste dosi e questa misura di teglia otterrete una pizza non sottilissima ma neanche alta. 

Torna alla pagina Cucina facile